<<Nella prima parte della spedizione,  trascorsi alla ricerca disperata delle coordinate dei predatori, nonostante i risultati gli avvenimenti giocassero contro di noi, ed i risultati stentassero ad uscire fuori, tra slamate clamorose, rotture, ecc, eravamo riusciti ad avere qualche segnale…>>

IMG_4933  ricciol

1° GIORNO – Sta per arrivare il secondo gruppo della Spedizione. A breve saranno sul luogo. C’e’ chi li attende su un molo, dove alcune persone stanno pescando. Una avvenente donna, fa 3 catture, una dietro l’altra, giusto per mandare in aria infinite considerazioni sullo spinning in mare…di una vita.  Qualche foto al gruppo appena partito per spiegare che la vita e’ strana.

IMG-20130504-WA0007  IMG-20130501-WA0000

Giancarlo ed Emanuele sono due giovani pescatori, entrati nel mondo dello Spinning d’Avventura, in modo devastante. Infatti nella loro prima battuta con EtnaSpinners nel Novembre 2012, entrambi contavano zero catture all’attivo, ma si ritrovarono presto in una situazione in cui,  tra ricciole e barracuda, vennero cambattuti piu’ 15 predatori in poche ore.

Dunque gia’ consapevoli dei modi, in cui la loro guida, li avrebbe condotti sugli spot, capiscono da subito che sarebbe stata necessaria quella determinata attrezzatura, senza fare la minima obiezione!!!

DCIM100GOPRO

<<Le condizioni di pesca sono molto difficili. Un mare che non regala nulla. Sudore e chilometri di scogliera senza vedere nemmeno un pesce.  Anzi uno si….>>

DCIM100GOPRO

DCIM100GOPRO

DCIM100GOPRO

<<Il sole di inizio Maggio in Sicilia e’ caldo. Conviene approfittarne tra una pescata e un altra, per fare un po’ di tintarella!!

Al tramonto del primo giorno, visto che la giornata in scogliera non ha dato grandi frutti, per la felicita’ di Emanuele, si va’ a battere un punto, noto per la presenza di baby Serra, come e’ nota la sua capacita’ di insidiarli in topwater. La speranza di intercettare un carangide di Buona dimensione o un Papa’ Serra e’ sempre presente.>>

DCIM100GOPRO

DCIM100GOPRO

DCIM100GOPRO

Una quantita’ infinita di attacchi da parte di questi piccoli serra, che anche se di ridotta dimensione, in topwater regalano divertimento ed adrenalina.  All’arrivo delle tenebre, nonostante gli attacchi continuassero, si decide di rientrare.  Un nuovo giorno di ricerche attende domani.

2° GIORNO – <<Qualcuno ci informa che al momento non sono presenti Pesci Serra, di taglia superiore agli 800gr, attorno l’isola.  Ho la certezza matematica che non sia cosi’>>. L’ isola ha una strana struttura, con scogliere e batimetriche completamente differenti. Perfetta per insidiare qualsiasi tipo di predatore, purche’ si sappia dove andarli a cercare.

Si decide di affrontare un preciso spot che nei giorni precedenti, aveva regalato un grandioso combattimento, ma con un finale, che forse e’ meglio non narrare.  Un predatore incazzatissimo, continua ad aggirarsi in queste acque dunque.

Il sole alto, non permette grandi aspettative, ma il mare è ottimo, serve un’azione di pesca perfetta.  Il posizionamento sullo spot, dettato dalla guida e’ preciso. Si tratta di una piccola penisola, quindi vanno coperti i due versanti, quello a ridosso e quello esposto. Il terzo va in punta…da qualche parte qui…c’e un predatore attivo.

EasySnap2

<<Mi Posiziono sul lato esposto, giusto una decina di lanci, botta in canna, combattimento su basso fondale e la curiosona, viene a farmi visita. E’ una piccola Ricciola. Da rilasciare rapidamente>>.

DCIM100GOPRO

DCIM100GOPRO

rilascio1

DCIM100GOPRO

Nemmeno il tempo di fare le considerazioni sull’accaduto, che un altra cavagnola attacca all’esca di Giancarlo. Ne aveva già persa una pochi minuti prima,  ma stavolta e’  ferrata bene. Viene a terra per un paio di foto, ed anche lei torna in acqua.

DCIM100GOPRO

<<Chiudiamo cosi’ la nostra giornata…>>

rilascio2

 

3° GIORNO –

Le condizioni del mare permettono di uscire in Barca. Non e’ proprio calmo come lo si immaginava, pescare a ridosso della linea costiera, potrebbe comportare qualche difficoltà, ma non grossa.

Comunque Andrea fa’ da skipper, ai due spinner accaniti. <<Sara’ uno spasso!>> L’adrenalina per qualcuno in maglia rossa e’ gia’ alle stelle, ancor prima di lanciare le esche in acqua!!

EasySnap3

Su indicazione dello skipper, si inizia a battere la costa in corrispondenza di alcune buche e canaloni ben precisi. <<L’ habitat e’ perfetto per stanare eventuali Spigole o Serra in agguato>>. Infatti proprio su l’ultima buca disponibile, prima di un tratto con maggior fondale e caduta repentina delle pareti verticali, sul primo lancio e’ Emanuele ad avere uno strike fulmineo al secondo giro di manovella…iniziano i salti…

DSC02419

 

download

L’attrezzatura e’ leggerissima, ideale per divertirsi con pesci del genere…

Un bel bagno prima di ripartire…e’ l’occasione perfetta per lasciare due spinners in acqua, che implorano a gran voce per risalire… su un fondale di 30metri, in un luogo in cui non e’ impossibile incontrare anche varie specie di squali…!!

DCIM100GOPRO

Si riparte…stavolta a provare un po’ di esche metalliche, Jig e Inchiku artigianali a disposizione.  Spostati su una secca con importanti salti batimetrici, non troppo distante da terra,  improvvisamente una gruppo di volatili ci segnala un branco di delfini, in caccia.  Ecoscandaglio fuori uso in barca, ma e’ chiaro, c’e una Mangianza a fondo.

Passano pochi secondi, da quando Emanuele scende un jig artigianale realizzato qualche giorno prima, destinato ai dentici.

DSC02455

DSC02457

DSC02459

DSC02422

DSC02425

Cattura spettacolare per la circostanza in cui e’ avvenuta, a completo contatto con le forze della natura, tra delfini e gabbiani, con un esca assemblata il giorno prima, artigianalmente!

Qui si chiude l’avventura, che in extremis, lascia tutti soddisfatti, nonostante un mare avido di catture, difficile da interpretare, ad una latitudine che in questo periodo, presenta già per temperature e presenza di turisti/diportisti ”da estate inoltrata”.

Andrea Giardina