Sardegna, la regione insulare italiana, con la maggior percentuale di territorio incontaminato, ha mantenuto questa caratteristica anche nelle sue coste, e conseguentemente nei suoi fondali.

Il poco sfruttamento, e la quasi nulla presenza umana, in questi luoghi, aumenta la possibilita’ di fare incontri davvero particolari…

Delfino ritrovato in difficolta’, portato in salvo, con l’aiuto della guardia costiera, sacrificando una giornata di pesca.

Le coste sarde occidentali, rappresentano il punto italiano geograficamente piu’ vicino allo stretto di Gibilterra, cio’ oltre a significare la possibilita’ di incontrare qualche pesce oceanico ”smarrito”, potenzialmente determina comportamenti un po’ piu’ ”cattivi” in tutti i predatori ed in particolare su alcuni sparidi!

Inoltre si puo’ anche prendere in considerazione il fatto che la Sardengna rappresenti il primo ”scoglio” nel quale trovare riparo, una buona base per far rifornimento dopo i lunghi viaggi Oceanici e l’immissione nel Mediterraneo, per le specie migratorie, provenienti da Gibilterra e non solo.

Premesso tutto cio’ lo spirito con cui va a pesca in queste terra, dovra’ essere attimino piu’ attento, rispetto ai luoghi che frequentiamo di solito!  Con una buona guida locale, si possono raggingere davvero risultati impensabili…

Immagini e catture, per la realizzazione fornite da due grandi Spinners Sardi,  Marco e Mauro.